Storia dell'Harem

Storia dell Harem Harem ed subito sogno d un oriente fascinoso e sensuale denso di misteri e di tragedie Lungo il corso dei secoli l Europa ha favoleggiato degli harem musulmani primo fra tutti ed esempio supremo d

  • Title: Storia dell'Harem
  • Author: Gabriele Mandel
  • ISBN: 9788818880328
  • Page: 128
  • Format: Hardcover
  • Harem, ed subito sogno d un oriente fascinoso e sensuale, denso di misteri e di tragedie Lungo il corso dei secoli l Europa ha favoleggiato degli harem musulmani, primo fra tutti, ed esempio supremo di tutti, quello di Ist nbul, il pi noto ed il pi importante Centro del potere del vasto Impero turco, qui vennero recitati i drammi della storia da personaggi le RegiHarem, ed subito sogno d un oriente fascinoso e sensuale, denso di misteri e di tragedie Lungo il corso dei secoli l Europa ha favoleggiato degli harem musulmani, primo fra tutti, ed esempio supremo di tutti, quello di Ist nbul, il pi noto ed il pi importante Centro del potere del vasto Impero turco, qui vennero recitati i drammi della storia da personaggi le Regine madri la cui volont fu spesso legge per tre continenti Asia, Africa, Europa , e i cui capricci a volte costarono loro la vita, ai loro figli la prigione, all Impero ottomano la catastrofe.Signori assoluti di questo vasto impero, i sultani a cominciare da Osman I, fondatore della dinastia ottomana non di rado sposarono donne straniere non musulmane, sino a che Maometto II il Conquistatore tronc la pratica dei matrimoni e istitu l harem imperiale popolato di schiave di varie nazionalit , fra le quali il sultano sceglieva le proprie donne e le favorite In tale popolazione femminile emerse la valid , la madre del successore del sultano che l aveva preferita Oltre che gestire tutti i movimenti dell harem, essa assumeva la reggenza quando suo figlio succedeva al trono ancora bambino sicch , fino a quando egli non compiva i dodici anni, la valid era pressoch arbitra del governo dell Impero Nell harem vivevano pure tutti i figli che il sultano aveva dalle sue donne qui essi potevano essere confinati, praticamente prigionieri, nel kafes, la gabbia dorata che doveva renderli innocui nei confronti del fratello o del fratellastro regnante.L harem, luogo proibito, sacro, inviolabile , fu una realt non spiegabile in se stessa al di fuori di una lunga successione ed evoluzione di eventi che sostanziarono la storia dei Turchi Ottomani, e neppure al di fuori della tradizione islamica della casa e della famiglia Luogo di lusso e di agi, talvolta anche di dissolutezze, sicuramente, mai per da giustificare le fantasiose invenzioni di antichi viaggiatori e di nostri cineasti Ma soprattutto centro di potere di suggerimento, di persuasione , di educazione al potere e anche di clamorosi scontri in talune occasioni di successione al trono.Di tutta questa complessa realt Gabriele Mandel esperto interprete in questo libro che, fra l altro, offre un esclusiva, una vera gemma l elenco completo delle valid , delle donne e dei figli dei sultani ottomani.Fra tutti gli Harem della Storia in Cina, a Bisanzio, fra i Sasanidi quello musulmano di Ist nbul fu certamente il pi importante, e sicuramente il pi noto Modello di vita d arte e di potere, cuore del vasto Impero ottomano e luogo in cui si legarono e si sciolsero le sorti storiche de II Asia, dell Africa e dell Europa fra XV e XVIII secolo, gli Orientalisti ne descrissero il fascino, i Simbolisti ne fantasticarono i piaceri, i politicanti europei ne esecrarono gli intrighi.L Harem di Ist nbul trova qui finalmente il suo vero volto storico, la sorprendente realt d un imperio delle Regine madri che fece tremare la Cristianit e impose le proprie ragioni perfino nell Isl m stesso.

    One thought on “Storia dell'Harem”

    1. Come supporto storico ai nuovi appassionati del telefilm turco sulla vita di Solimano il magnifico, può essere utile. Interessante per chiunque voglia capire come funzionasse la corte del Sultano della Sublime porta. Il "Magnifico" trasmesso sul canale sat Babel di Sky è visibile di youtube sul canale turkweb ,

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *