Het huis bij de mispelboom

Het huis bij de mispelboom Het huis bij de mispelboom het meesterwerk van de negentiende eeuwse Italiaanse auteur Giovanni Verga verhaalt in een sobere stijl van de teloorgang van een Siciliaanse vissersfamilie De peetvader v

  • Title: Het huis bij de mispelboom
  • Author: Giovanni Verga Andre Marie Pols
  • ISBN: 9789028421271
  • Page: 300
  • Format: Hardcover
  • Het huis bij de mispelboom, het meesterwerk van de negentiende eeuwse Italiaanse auteur Giovanni Verga, verhaalt in een sobere stijl van de teloorgang van een Siciliaanse vissersfamilie De peetvader van de familie, Ntoni, wil de bruidsschat van zijn dochter veiligstellen, maar verliest alles wat hij bezit Door hebzucht en afgunst valt de hele familie ten prooi aan minachHet huis bij de mispelboom, het meesterwerk van de negentiende eeuwse Italiaanse auteur Giovanni Verga, verhaalt in een sobere stijl van de teloorgang van een Siciliaanse vissersfamilie De peetvader van de familie, Ntoni, wil de bruidsschat van zijn dochter veiligstellen, maar verliest alles wat hij bezit Door hebzucht en afgunst valt de hele familie ten prooi aan minachting, geroddel en gekonkel Zelden is de menselijke ontgoocheling zo dwingend en aangrijpend beschreven.

    One thought on “Het huis bij de mispelboom”

    1. "Il mare non ha paese nemmen lui, ed è di tutti quelli che lo stanno ad ascoltare, di qua e di là dove nasce e muore il sole."Un intero romanzo fondamentalmente basato sui personaggi, ma, rispetto a quanto si possa pensare, anche piuttosto atipico. Ne "I Malavoglia", i personaggi non sono descritti nel senso stretto del termine, i personaggi esplodono. Le loro voci si mischiano e formano un'unica voce, e qui ho trovato la realizzazione della filosofia che io ingenuamente e con ignoranza chiamo [...]

    2. A step back in time. The author, born in 1823, published this book in 1880 and the story begins in 1863. So we are in Italy at the time of the American Civil War. More properly, we are in Sicily at about the time that Sicily was being incorporated into Italy. Verga was a realist author who is clearly trying to show us the hard lives of these common people, a fishing family.Meet the Malavoglia family. The introduction gives us a hint of what is to come when we are told that the family name means [...]

    3. Tutta colpa dei lupiniDicono che da qualche lustro cotale libro si dà in pasto ai tredicenni. Già era osceno che nel pleistocene lo si desse da studiare a diciottenni allupati che dei lupini non gliene poteva fregar di meno. Questo accanimento terapeutico non ha giovato al capolavoro col risultato di allontanarne gli eventuali rilettori, affetti da disturbo postraumatico.Pian piano si è trasformato in uno dei tanti polverosi tentativi linguistici dell’italica letteratura, niente a che veder [...]

    4. Il Capolavoro del Realismo letterario italiano. E, a mio avviso, uno dei classici più belli della letteratura italiana. Ambientato nella seconda metà dell'Ottocento ad Aci Trezza, piccolo paesino siciliano, il romanzo ha come protagonista una povera famiglia di pescatori, la famiglia Toscano (detta, dei Malavoglia), dignitosa e timorosa di Dio, ma con la quale la sorte decide di esser dura, sino ad arrivare al suo completo sregolamento.Verga sta per la letteratura italiana a ciò che Emile Zol [...]

    5. Ho iniziato questo libro quattro volte.La prima ero una ragazzina curiosa e affamata di tutto, e l'ho mollato quasi subito. Cercavo soddisfazioni immediate, rapide. La seconda, al liceo, l'ho iniziato su ordine di un professore e non ho superato lo scoglio del primo capitolo. La terza, prima di iniziare l'università, perché sentivo il non averlo letto come una grave, gravissima mancanza. Anche quella volta, ho ceduto in fretta.Quarta e ultima volta, qualche giorno fa. Una mattina sonnecchiante [...]

    6. Considering his many self-revealing reviews here at , this novel would remind you of k.d.'s life and times. He'll be Alessio here, the youngest son of the Malavoglia family who had witnessed the family's harrowing trials and tribulations before growing up and later somehow reestablishing the family's pride by doing something to a house--in Alessio's case, by repurchasing their House by the Medlar Tree; in k.d.'s case, by rebuilding the family's House by the Mango Tree.The middle son in this nove [...]

    7. Il senso della tradizione e il rapporto con essa. Quei limiti "imposti", che generano sofferenza ma anche fermo riferimento. Assecondare o trasgredire sono atti di ferma volontà. In entrambi i casi, scelte vivifiche. Testo illuminato. Cardine della letteratura italiana.

    8. Niente, non è il momento.Questa non è una recensione, e la mia non è stata un'effettiva lettura, sono state cento pagine lette assolutamente alla cazzo. Cosa che mi disturba parecchio. Non è che fossi partita con l'assoluta convinzione che Verga non meritasse una lettura seria (ma che razza di persona sarei, wtf), o magari già sconfitta in partenza a pensare che sicuramente avrei dovuto sorbirmi la noiosaggine delle noiosaggini. Io ero partita assolutamente fiduciosa, con quella classica tr [...]

    9. I have to admit I'm pretty partial to this book, because it takes place in the outskirts of Catania in Sicily. I lived there for 7 and a half months, so I was predisposed to love this book. The author is also from from the area, and I think it captures Sicilianness better than anything I've read - an admittedly small sample.Giovanni Verga is the pioneer of the "verismo" movement so popular in Italy around the turn of the 20th century. The most popular products of the movement are the great opera [...]

    10. Ma il primo di tutti a cominciar la sua giornata è stato Rocco Spatu.Così si concludono quindici anni di sofferenze e privazioni di una famiglia di poveri pescatori siciliani, alle prese con catastrofi naturali e gli inganni degli altri abitanti del loro villaggio. Tra sublime lirismo e graffiante realismo, Verga riesce a trasmettere un grande raggio di esperienze e emozioni umani, che tutti abbiamo vissuto, nel bene e nel male.Una famiglia distrutta e spaccata in due, tra chi ostinatamente cr [...]

    11. Capolavoro. Purtroppo, la scuola italiana impedisce ai ragazzi di apprezzarne la bellezza perché lo impone a un'età ancora troppo spensierata. E' un testo adatto a un'età più matura. 'I Malavoglia' rappresentano il mondo italiano con tutte le sue meschinità, fatto di bassezze portate avanti con poca convinzione per ottenere poco più che nulla. Un gioco pericoloso a perdere, che conduce solo alla frustrazione dei più e all'illusione della ricchezza dei pochi. Prima di tutto, sfatiamo un mi [...]

    12. The House by the Medlar TreeGiovanni VergaGiovanni Verga was a late 19th century Sicilian writer who was one of the wave of Italian literary realists in the verismo tradition. Born in Catania, Sicily in a prosperous Sicilian family, he is nevertheless known for his unsparing depiction of the lives of poor Sicilians The House by the Medlar Tree (I Malavoglia is the title in Italian) recounts the lives of three generations of the Malavoglia family in Aci Trezza, a small fishing village within walk [...]

    13. Grande opera, di cui, però, non sono riuscita a cogliere a pieno il significato e l'importanza. Non l'ho trovata scorrevole e relativamente "moderna", come ad esempio "Storia di una Capienera, scritta negli anni giovanili, ma già carica di insegnamenti e passioni sfrenate. Sicuramente ad incidere sulla lettura, hanno giocato l'ambientazione (la Sicilia) così lontana ed impenetrabile ai miei occhi e le connotazioni verghiane, che hanno contribuito, da una parte, ad inserire l'azione in un quad [...]

    14. "I Malavoglia sono una famiglia di pescatori di Aci Trezza. I loro guai cominciano con l’affondamento della Provvidenza, la barca di famiglia, e con la morte di Bastianazzo, figlio di Padron ‘Ntoni. La vedova Maruzza, le figlie Mena e Lia, i figli ‘Ntoni, Luca e Alessi , strenuamente guidati dal capofamiglia Padron ‘Ntoni, faranno di tutto per salvarsi dai debiti, ma vincere i pregiudizi del paese e i garbugli della legge non è facile. Si rialzeranno e precipiteranno sempre più in bass [...]

    15. La lettura di questo romanzo è inizialmente spiazzante. Improvvisamente, non appena cominciamo a leggere, veniamo catapultati nel mondo di Aci Trezza, dei suoi pescatori e, fra questi, dei Malavoglia, senza che nessuno, nemmeno il narratore, possa (anzi, voglia) guidarci in questo paesino. Di conseguenza sarà difficile inizialmente capire chi siano i numerosi personaggi che popolano il romanzo, e che spesso vengono indicati con diversi nomi e soprannomi. Protagonisti del romanzo sono sicuramen [...]

    16. Free download available at eBooks@Adelaide.Opening lines:ONCE the Malavoglia were as numerous as the stones on the old road to Trezza; there were some even at Ognino and at Aci Castello, and good and brave seafaring folk, quite the opposite of what they might appear to be from their nickname of the Ill-wills, as is but right. In fact, in the parish books they were called Toscani; but that meant nothing, because, since the world was a world, at Ognino, at Trezza, and at Aci Castello they had been [...]

    17. This book tells the story of the Malavoglia family and of the Sicilian fishing village they call home. The characters in this novel are portrayed realistically and vividly as they deal with petty and serious issues-everything from gossip and flirting to grinding poverty and the cholera. The book chronicles the fall of the Malavoglias, a hardworking contented family living in the House by the Medlar Tree at the beginning of the novel. In the course of the novel they suffer a series of tragedies t [...]

    18. Un romanzo triste e amaro, che propone una lucida analisi di una realtà senza idillio e fatta di sopraffazione e opportunismo: di fronte a tale crudezza, si scontrano le posizioni di un vecchio capofamiglia, ancorato alle tradizioni come un'ostrica che voglia sottrarsi alla rovinosa corrente che la strapperebbe allo scoglio, e il giovane nipote, proteso al progresso e ad una ricerca di successo che lo getterà in preda a quella stessa mareahenaenoctua2013/

    19. 2.50Non capisco, le cose sono due: o Verga non fa per me o questo libro proprio non ha senso. Più probabilmente, però, è stato un errore da parte mia leggerlo dopo D'Annunzio, avrei dovuto fare il contrario e forse mi sarebbe piaciuto di piùNon so nemmeno se è per via di com'è scritto (ma va be', è il genere del tempo) o per la storia forse per quest'ultima: la storia di una famiglia che inizia a metà e finisce a metà. Non ho colto ciò che l'autore voleva spiegare ai lettori, non ho co [...]

    20. Non sono mai riuscita a farmi piacere Verga. O meglio, non sono mai riuscita a prenderlo sul serio.Le disgrazie che capitano ai suoi protagonisti (e i Malavoglia non fa eccezione) sono così numerose e variegate che su di me hanno effetto ridarella. Più che realismo sembra parodia.

    21. Purtroppo io e Verga non andiamo d'accordo. Dopo aver iniziato e abbandonato questo libro più volte, lo sgancio definitivamente. Finito! Amen!

    22. Oldukça farklı bir uslupla yazılmış ve 1800’ler Sicilya’sına ait çok ilginç bilgiler içeren bir roman. Sicilya’da bir balıkçı köyünde yaşananlar. İlk başlarda çok sayıda kişi ismi ve bunların bazen takma adları bazen de soyadlarıyla anlatılmasıyla bir kargaşa oluyor, sıklıkla başa dönüp kim kimdi diye bakılıyor. Yöresel deyimler, eşya adları, dini öğeler biraz yoruyor ama romanın ritmine girdiğinizde çok keyifle okunuyor. Atasözleri kitapta önemli [...]

    23. Not surprisingly, this Sicilian novel is not one for boosting one's poor attitude about life.This is the story of the Malavoglia family in a small fishing village on the east coast of Sicily in the 1860s. Their livelihood through fishing is threatened when their family boat is destroyed, and the family struggles to make ends meet. I consider John Irving the king of writing stories about lives that fall apart, but then fall spectacularly apart even more before the story has even reached its clima [...]

    24. È stato difficile arrivare alla fine, se non fosse stato per la scuola non l'avrei mai letto, ho odiato e maledetto questo libro come nessun'altro ma stranamente un po' di nostalgia la provo ed è scesa anche qualche lacrimuccia Questo naturalmente non toglie il fatto che spero di non doverlo mai più leggere in tutta la mia vita !

    25. I don't evenNo. I really really didn't like it. It was a total mess in my opinion And it was so bad to me that I had to drop it after just five chapters. Being Italian I read it in the original language and writing style of the author's time. Why was it so bad, you ask? if I have to stop at every paragraph to reread the sentence just above four time before understanding it, I'm sorry but 'masterpiece' or not, I can't appreciate it. To say the truth I had to read this book for my summer holidays' [...]

    26. Libro letto per "dovere" scolastico pensavo fosse molto più noioso e pesate, ma così non è stato!I personaggi sono molti e soprattutto per quanto riguarda i paesani alcuni nomi tendono a creare confusione anche per gli intrecci di flirt, matrimoni e debiti I componenti della famiglia Malavoglia sono invece molto ben definiti e i caratteri differenti permettono di capire diversi punti di vista della stessa situazione.Il personaggio di Mena mi è piaciuto particolarmente per la sua perseveranza [...]

    27. Chi l'avrebbe mai detto: 4 stelle per I Malavoglia.Ho iniziato questo libro con la convinzione che l'avrei trovato pesante. Che avrei passato il tempo temendo il momento in cui avrei dovuto riprenderlo in mano.Invece.Un po' tutto Verga è difficile e pesante da leggere, e sicuramente I Malavoglia non fa eccezione.Ma mi ha anche sorpreso.Mi ha sorpreso la rapidità con cui divoravo le pagine, la scorrevolezza del romanzo dopo i primi capitoli di introduzione.Mi sono ritrovata a fare il tifo per q [...]

    28. «Un tempo i Malavoglia erano stati numerosi come i sassi della strada vecchia di Trezza»Ce l'ho fatta! Sono riuscita a finirlo, non vedevo l'ora.La lettura è risultata pesantuccia.Troppi personaggi e troppi nomignoli (che si alternano: una volta lo chiama zio Crocifisso, l'altra volta Cinghialentauna volta la chiama Maruzza, l'altra la Longa).Troppi pettegolezzi e presunti matrimoni, che rendono tutto un po' dispersivo.Troppa angoscia, ma tanta verità.E' stato piacevole riconoscere nelle des [...]

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *