Verhalen uit Aspromonte

Verhalen uit Aspromonte De jaren dertig van de vorige eeuw Het leven van de straatarme herders en boeren in de Aspromonte de bergachtige streek in de punt van de laars is keihard Hun denken wordt beheerst door bijgeloof en

  • Title: Verhalen uit Aspromonte
  • Author: Corrado Alvaro Jan van der Haar Anthonie Kee Els van der Pluijm
  • ISBN: 9789076270425
  • Page: 399
  • Format: Paperback
  • De jaren dertig van de vorige eeuw Het leven van de straatarme herders en boeren in de Aspromonte, de bergachtige streek in de punt van de laars, is keihard Hun denken wordt beheerst door bijgeloof en fatalisme, hun bestaan door tegenslagen en de grillen van feodale landeigenaren Argiro, een herder, aanvaardt de vernederingen niet en ontworstelt zich aan zijn lot Als zDe jaren dertig van de vorige eeuw Het leven van de straatarme herders en boeren in de Aspromonte, de bergachtige streek in de punt van de laars, is keihard Hun denken wordt beheerst door bijgeloof en fatalisme, hun bestaan door tegenslagen en de grillen van feodale landeigenaren Argiro, een herder, aanvaardt de vernederingen niet en ontworstelt zich aan zijn lot Als zijn zoon priester wordt zal niet hij voor de padrone moeten buigen maar de padrone voor zijn zoon.

    One thought on “Verhalen uit Aspromonte”

    1. Un piccolo passo indietro nel tempo prima di parlare di Gente in Aspromonte.Sono venuta a conoscenza dell'esistenza di Corrado Alvaro durante le lezioni del mio professore di italiano. Pur non essendo -comprensibilmente- inserito nel programma, il mio prof avendo una insana passione per autori sconosciuti di vario genere, aveva insistito affinché lo studiassimo. Credo sia facile capire quanto repulsione ci ispirassero questi autori, uomini mai sentiti che avevano scritto opere di poco conto e c [...]

    2. Ero titubante a leggerlo. Primo: non sapevo nulla dell'autore (a dirla tutta non sapevo nemmeno che esistesse, figuriamoci che fosse uno scrittore). Secondo: mentre lo cercavo sul sito della biblioteca salta fuori che c'è anche Come leggere «Gente in Aspromonte» di Corrado Alvaro. Sono confusa: mi serve un saggio di 128 pagine per poter capire l'originale di 180?No, non serve. Sono certa che nei racconti di Alvaro ci saranno 1000 riferimenti che solo i calabresi potranno capire, 1000 dettagli [...]

    3. A metà strada fra il crudo realismo e il lirismo come personalissima opinione, basandomi su di una prima impressione di lettura, senza documentazioni e ricerchine varie: si avvertono come due mani di pittura, una realistica e l'altra di "prezioso lirismo", con tanto di vocaboli ricercati ed altre zavorre di cui altre letterature europee si erano liberate almeno 50 anni prima di noi. Peccato.

    4. Impossibile non accostare questo autore a Verga. Il suo è un verismo quasi tragico e commovente. Ci si ritrova come sempre a parteggiare per questi "poveri diavoli" e anche se già si intuisce che ogni racconto avrà un tono triste, si spera sempre nel finale conciliatore. Complimenti alla penna di Alvaro, se non fosse che io non amo troppo i racconti avrebbe preso cinque stelle.

    5. A metà strada fra il crudo realismo e il lirismo come personalissima opinione, basandomi su di una prima impressione di lettura, senza documentazioni e ricerchine varie: si avvertono come due mani di pittura, una realistica e l'altra di "prezioso lirismo", con tanto di vocaboli ricercati ed altre zavorre di cui altre letterature europee si erano liberate almeno 50 anni prima di noi. Peccato.

    6. Chi si attende una narrazione veristica-verghiana dei personaggi dell'Aspromonte rimarrà deluso. Lo sguardo di Alvaro è sognante, lirico ed è figlio del distacco e della memoria; negli ultimi racconti, la narrazione si fa a tratti surreale.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *