Cum vrea Dumnezeu

Cum vrea Dumnezeu Un or el de c mpie n apropierea unui fluviu Ac iunea se petrece pe parcursul a ase zile durata Genezei Rino i Cristiano Zena tat i fiu i duc existen a la periferia societ ii Tat l i neac e ecul n

  • Title: Cum vrea Dumnezeu
  • Author: Niccolò Ammaniti Gabriela Lungu
  • ISBN: 9789736893032
  • Page: 274
  • Format: Paperback
  • Un or el de c mpie, n apropierea unui fluviu Ac iunea se petrece pe parcursul a ase zile, durata Genezei Rino i Cristiano Zena, tat i fiu, i duc existen a la periferia societ ii Tat l i neac e ecul n alcool i violen , iar fiul tr ie te suspendat ntre universul domestic exasperant i lumea ostil din jur Cei doi sunt lega i ns printr o dragoste ad nc Un or el de c mpie, n apropierea unui fluviu Ac iunea se petrece pe parcursul a ase zile, durata Genezei Rino i Cristiano Zena, tat i fiu, i duc existen a la periferia societ ii Tat l i neac e ecul n alcool i violen , iar fiul tr ie te suspendat ntre universul domestic exasperant i lumea ostil din jur Cei doi sunt lega i ns printr o dragoste ad nc , o dragoste capabil s i fac s treac peste singur tatea ap s toare i peste mizeria traiului cotidian mpreun cu doi prieteni Corrado Rumitz, zis Br nzil , i Danilo Aprea, rata i ca i el, s raci cu duhul i b ntui i de fantasme , Rino pune la cale o lovitur menit s le schimbe tuturor via a devalizarea unui bancomat n miez de noapte Dar ca i cum e ecul vie ii lor n ar fi de ajuns, n noaptea fatidic , lu nd chipul unei furtuni bezmetice, soarta se nver uneaz mpotriva lor i i t r te ntr un v rtej de nt mpl ri apocaliptice Cristiano, gata de orice sacrificiu pentru a i salva tat l acuzat de crim , tr ie te o experien limit , la cap tul c reia se reg se te maturizat, ncerc nd s afle din a cui porunc se petrec groz viile n aceast lume i dac salvarea este posibil.Romanul Cum vrea Dumnezeu a primit n 2007 Premiul Strega iar n 2008 a fost ecranizat n regia lui Gabriele Salvatores.

    One thought on “Cum vrea Dumnezeu”

    1. Mi rincresce assai di parlar male di Niccolò Ammaniti, ma mi dispiacerebbe assai di più parlarne bene e dire il falso: Come Dio Comanda non mi è piaciuto. Per tutto il libro sono stata pervasa da una sensazione fastidiosa, una sorta di mal di pancia che provavo a scacciare via, ma non sono stata in grado di trovare rimedi di sorta: Ammaniti è uno stereotipatore. Tutti i personaggi di questo libro mi hanno ricordato un gioco da tavola che allietava le mattinate di domenica mie e di mia sorell [...]

    2. In un' immaginaria cittadina dell'opulenta fascia pedemontana i protagonisti sono Rino Zena ed il figlio Cristiano ed i loro sodali Danilo, un povero diavolo che una tragedia familiare ha fatto deragliare dai binari della vita e Quattroformaggi, descrivibile come il tipico scemo del villaggio.In una società in cui sono tramontate ideologie di progresso e promozione umana, in cui non c'è solidarietà di classe Rino, Cristiano & C. avvertono di essere gli ultimi lasciati a terra dal convogli [...]

    3. definitely one of the best novels i've read in a while. something of a dickens-meets-cormac mccarthy tragicomic morality tale. i have to admit that it started out a bit slow -- felt like a series of short stories, or anecdotes, about this group of characters for a good 100-150 pages. but then the inciting incident occurs and it's as if someone just stepped on the gas. the rest of the novel moves along at breakneck speed in a visceral, cinematic style, cutting rapidly back and forth between each [...]

    4. Una narrazione alquanto modesta, frammentaria e di cui, credo, neppure l’autore avesse ben chiaro il fine. Più che una trama, abbiamo una serie di inquadrature cinematografiche, visto che riescono a essere più convincenti se le si pensa come immagini, invece di leggerne la descrizione, ma che comunque, in buona sostanza, non conducono a nulla.I personaggi sono fondamentalmente “macchiette” prive di spessore, a cui i personali, nonché inverosimili, traumi che l’autore costruisce loro a [...]

    5. This was quite a powerful story, like a tornado sweeping off the outside world and leaving nothing but me and this book. At first, the violence made it a little hard to read (I was not sure if I would finish it), but eventually I was so immersed in the story that I came back to reality just to pray that the ending won't be a bad one. And it wasn't.From the opening chapter, I knew this book will be different from the ones I've read so far. It is a harsh real-life story of people living at the edg [...]

    6. Uma história de gente simples com vidas difíceis, contada de uma forma crua, sem qualquer tentativa de adoçar a realidade, por vezes tão dolorosa.Uma história que fala principalmente de homens. Das suas fraquezas, dos seus sentimentos, desejos e desgostos - dissimulados por exibições de força ou adormecidos pelo álcool e pelo sexo.A história de um menino que cresce numa família, sem mãe, e num meio onde impera a violência - talvez como uma forma de sobrevivência - mas no qual o amo [...]

    7. Come si misura la bellezza di un libro? Certo ci sono molti modi: la storia, i personaggi, la scrittura, l'ambientazione e così via, tutte cose certo importanti forse però basta un unico fattore che va a misurare esattamente la qualità di un libro: la voglia che si ha di riprendere la lettura dopo averla interrotta. Se il metro di valutazione che adottiamo è questo possiamo sicuramente affermare che questa storia da dipendenza, o per lo meno, questo è quello che è capitato a me. A parte i [...]

    8. As God Commands depicts an angry, unemployed and unemployable father, trying and often failing to do his best for his isolated and lonely teenage son, while also looking after his old work colleague, who suffers mental and physical problems because of an accident some years before. The strange trio's dysfunctional but affectionate relationship is plunged into chaos, as the story takes on a dark, violent hue. Part crime thriller, part psychological dramais was an amazing read and worthy of its pr [...]

    9. Niccolò Ammaniti viene spesso chiamato il Palahniuk italiano. Io sono un amante del buon Chuck (che però sta inanellando una serie di fallimenti considerevoli) e debbo dire che con lui condivide solo la crudezza di certi passaggi, ma poi lo stile, gli ambienti e soprattutto le trame dei suoi libri sono completamente diversi.Detto questo, io trovo "Come Dio comanda" un piccolo capolavoro. Ci sono dei personaggi favolosi e sono tutto meno che i classici eroi. C'è un alcolista nazista, un 13enne [...]

    10. Lo stile di Ammaniti e' unico e impossibile da descrivere. Bisogna solo leggerlo per capire. Ma questo libro e' veramente inquietante. Forse era proprio questo lo scopo che si sera prefisso l'autore, anzi ne sono sicura, ma io non ho dormito per una settimana, se da una parte devo fargli i complimenti, dall'altra mi auguro che il prossimo lavoro si prefigga scopi differenti!

    11. Sin dall'immagine di copertina che mostra un fulmine, segno di una tragedia imminente che sta per abbattersi, si capisce quale sia la trama di questo romanzo. Si avverte una sensazione di leggero malessere, di leggero fastidio nella lettura. Una sorta di fastidio che non si sa bene da cosa scaturisca, ma è presente e non ti abbandona. Ammaniti, da bravo scrittore quale è, delinea le caratteristiche o meglio i difetti di ogni personaggi. Ogni personaggio è emarginato, è problematico, vive una [...]

    12. Cinque stelle perchèPerchè Ammaniti è l'unico scrittore italiano che comprerei a scatola chiusa, sulla fiducia. Perchè se mentre leggi un libro, ti accorgi di aver trattenuto il fiato e stretto i pugni, vuol dire che ti ha coinvolto fino in fondo. Perchè non riuscivo a smettere di leggerlo, nonostante le brutture che racconta, nonostante parli di quanto il mondo sia marcio emi sono bevuta 500 pagine in meno di 3 giorni. Perchè i personaggi anche se degradati al massimo diventano quasi tuoi [...]

    13. cartea mi s-a lipit de mână (e la 10 lei!) - altfel, de cât e de demnă de ghenă coperta n-aș fi luat-o în veci! deși știam de niccolò ammaniti - revelație literară, de care însuși legenda vie a cinematografiei mondiale bernardo bertolucci s-a lăsat convins de ultima lui carte și i-a făcut un film excelent - eu și tu.dar chiar nu m-așteptam la un roman așa de bun!cartea nu mi s-a lipit doar de mână, ci m-a copleșit ca o pediculoză, ce ți se urcă de pe pubis până-n spr [...]

    14. Stunning and powerful, but at the same time so disturbing novel!Set in Italian industrial wasteland, this novel is far away from the tourist guides about the beauties of wonderful Italy. But, it is a captivating story with very interesting construction and convincing characters and relationships, a story about the dark side of human character, tragic, bitter, raw, brutal, violent and aggressive Тhe language is rough and too vulgar and obscenely for my taste, but still, so appropriate for the sc [...]

    15. It took me a little while to get into this novel, but once I did I really enjoyed it. I can recommend it to anyone who enjoys popular fiction. It doesn't sit on my "crime fiction" shelf because although there is a crime at the center of the story, that's not really what it was about, for me. I was more affected by Ammaniti's telling of the way in which the boy comes to understand things about his father, and his father's rather pathetic friends.

    16. Η πρώτη μου σκέψη κάθε φορά που διαβάζω Αμμανίτι είναι οτι δεν είναι δα και κανένας μεγάλος λογοτέχνης. Κι αν είναι έτσι γιατί μόνο σ αυτόν κρυφοκοιτάω "τι γίνεται παρακάτω βρε παιδιά, δεν αντέχω απ την αγωνία"? Γιατί τελειώνω τα βιβλία του σε χρόνο ρεκόρ, γιατί οι ήρωές του ε [...]

    17. This book like some of the other award winning foreign novels I believe transcends its genre in crime story, thriller, or a coming of age story and moves it swiftly upward to contemporary fiction. It seems to share a common purpose in many fine and classic novels like the recent two years old hit, 'Let the Right One' In by Lindqvist, and Stieg Larsson's trilogy about a brilliant girl named Salander A.K.A. Wasp, both from Sweden.(Even though Larsson's prose is cold and icy, it still is brillant i [...]

    18. I couldn't stop reading this book, it's the tragic story of 4 friends: an alcoholic nazi, his lonely son, a mentally disabled guy and a divorced man that lost a young daughter in and accident later becoming an alcoholic too. It's brutal but I think the author's purpose was not to shock the reader but to describe certain aspects of human behavior. It's a vivid portrait of loneliness, despair, friendship, alcoholism, mental illness, murder and hope. Characters credibly flow from brutal to kind, sa [...]

    19. Leggendo la critica di De Rienzo mi sono detta: ecco, il solito critico che spara a zero. E invece mi trovo d?accordo con lui. Prima cosa: il linguaggio. Mi ha un po? stufata questa lingua cos� piatta, lo so che vuol fare effetto, ma le parole sciatte mi sembrano semplificazioni che non aiutano il testo. Non posso neppure vederlo come uno spaccato di vita vera, d� troppo l?idea del "noir" ad effetto. A tratti � un po? comico, quello s�. Poi l� dove descrive la vita dei suoi personaggi [...]

    20. Italian title of this book is "As God Commands" -- and this is much better title as many of the characters beleive that they are in the hands of God.Ammaniti created the magnetic characters and it is hard to put the book dow -- I finished it in three days!!Although I did not like the ending, I think I will want to read more of his books

    21. Mi fermo qui a un terzo del libro. Ammaniti scrive bene, è il soggetto che non mi piace. Adolescenti con addosso tutte le sfighe del mondo. Sono sufficienti quelli della mia realtà.

    22. И, ставя на паузу гештальт с Италией, хочу поделиться впечатлениями об еще одном романе Амманити "Как велит бог".Честно скажу, прочитать его хотелось, чтобы понять - это автор плох или "Я не боюсь" такой неудачный. В общем, с автором всё нормально, просто у него картина мира так [...]

    23. An interesting book with potential. Unfortunately, for me, there were just too many convenient coincidences added in to make the story move along.

    24. Cristiano is dertien en behoort tot die groep in de maatschappij die wordt bestempeld als 'marginaal'. Zijn vader is het grootste deel van de tijd werkloos en dronken maar voedt zijn zoon wel met alle liefde op, een manier van grootbrengen die vele wenkbrauwen zal doen fronsen want honden neerschieten middenin de nacht staat niet meteen omschreven als de ideale vader-zoonactiviteit. Cristiano's vader en zijn twee vrienden - een alcoholieker en een zot, om kort te gaan - plannen een bankoverval m [...]

    25. Uno spaccato dell’Italia che il lettore non conosce, non puo’ conoscere, perche’ I protagonisti di questo romanzo non sono gente che legge. Rino, un nazista disoccupato, pieno zeppo di rabbia, pronto a sfogarsi contro chiunque glie ne dia l’occasione, ha un unica missione: quella di non venire separato dal suo figlio tredicenne, Cristiano. Il nucleo della storia e’ proprio il rapporto padre-figlio, gli sforzi che entrambi fanno per preservarlo dall’intervento dello stato, che vigila [...]

    26. Il quattordicenne Cristiano Zena vive con il padre Rino, un balordo alcolizzato, violento e disoccupato, in una casa fatiscente e sporca nella zona industriale di una cittadina della pianura padana. Rino, che ama profondamente il figlio e a modo suo cerca di prepararlo alla vita, frequenta i suoi amici Quattro Formaggi e Danilo Aprea. Tutti segnati da eventi crudeli nella loro vita, i tre reagiscono in modo personale ma ugualmente maniacale alle sventure che si accalcano davanti alle loro porte [...]

    27. Questo mio secondo approccio con Ammaniti è andato un po' peggio del precedente. Ci troviamo di fronte a un romanzo scorrevole, tante pagine ma poco impegnative, di nuovo si parla di un ragazzino "inquinato" dagli adulti, dalla violenza, che cerca di fare la cosa giusta, di nuovo si parla di grandi tragedie. Ma se "Io non ho paura" poteva mantenere un po' di verosimiglianza, sulla lunga distanza Ammaniti si perde regalandoci una valanga di personaggi inetti e disastrati su cui si abbattono altr [...]

    28. The pacing of this book is incredible. The action builds, the point of view shifts from character to character, the plot twists like a Dali-esque pretzel, and yet none of the violence seems gratuitous and the surprises don't feel contrived. AGC is comic but also unremittingly dark, and in the latter sense the novel may not be to everyone's taste. The tale is neither for the faint of heart nor those seeking an uplift. Nonetheless, it's a ripping good yarn, and the only reason I don't give the nov [...]

    29. DeludenteÈ vero: questo romanzo ti spinge a una lettura compulsiva. Tuttavia la sensazione di "non riuscire a staccarsi dal libro" per me non è (più) indice della qualità del libro.Cosa non va.1) Non c'è sviluppo nei personaggi. Rino, Cristiano, Danilo, Fabiana e Esmeralda, sono conclusi già all'inizio del romanzo. Le sorprese le riserva 4F, ma non c'è un vero sviluppo. Sembra più una torsione artificiosa del personaggio ai fini della trama.2) In più punti traspare l'opinione dell'autor [...]

    30. I wasn't sure about this book at first. Stories about fucked up kids doing fucked up things because of fucked up parents are a dime a dozen in Los Angeles. And that's just my friends! But this book presented it unapologetically. The characters are debased, the lowest common denominator of society which is what makes them so interesting in their simplicity. It took me a few chapters before committing but once this well-written and haunting book took ahold of me, I didn't want to finish it and say [...]

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *