Le favole non dette

Le favole non dette Liberata salut con la mano Barbarache la ammirava stretta alla mano di sua mammamentre andava sempre pi in alto verso una terra promessadove non si imprigionano gli animaliper la loro bellezza dove n

  • Title: Le favole non dette
  • Author: Vladimir Luxuria
  • ISBN: 9788845262777
  • Page: 127
  • Format: Paperback
  • Liberata salut con la mano Barbarache la ammirava stretta alla mano di sua mammamentre andava sempre pi in alto,verso una terra promessadove non si imprigionano gli animaliper la loro bellezza, dove non si imprigionanocreature umane per la loro stranezza Una bambina che sa guardare nel profondo gli occhi innocenti degli animali sottrae una donna uomo dalla prigione di Liberata salut con la mano Barbarache la ammirava stretta alla mano di sua mammamentre andava sempre pi in alto,verso una terra promessadove non si imprigionano gli animaliper la loro bellezza, dove non si imprigionanocreature umane per la loro stranezza Una bambina che sa guardare nel profondo gli occhi innocenti degli animali sottrae una donna uomo dalla prigione di un circo Un Pinocchio dei giorni nostri, orfano, svagato e consapevole della propria diversit , trova nell a di una fata la forza per dire di nuovo s alla vita Davide, un bambino con la passione per il canto e che ode la voce misteriosa del vulcano Etna, previene il disastro della sua famiglia e del suo paese Una brutta anatroccola, sbeffeggiata da tutti, sconfigge il pestifero orco che sporca le acque del lago, e si trasforma in un meraviglioso cigno.Tra magia e sogno, pregiudizio, a e indifferenza, Vladimir Luxuria dedica queste favole agli uomini e alle donne di oggi, al mistero dell animo umano, a quello che non si dice ma che riempie di bellezza le nostre vite.

    One thought on “Le favole non dette”

    1. L'italiano fa un po' pena, ma l'intento di Luxuria mi ha colpito.In queste brevi favole è chiaro il disagio iniziale di chi nasce in un corpo che non sente suo, il sentirsi diverso,ma alla fine accettarsi in qualche modo e continuare a vivere in una società che discrimina troppo facilmente.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *